Seguici:

Informazioni e aggiornamenti

L’ultimo DPCM (8 Marzo 2020) riassunto in questa immagine.

L'ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri emesso l'8 marzo 2020, rende più stringenti le norme di comportamento da adottare per contenere la diffusione del virus COVID-19 su tutto il territorio nazionale.

📌sono sospese le attività di PUB, SCUOLE DI BALLO, SALE GIOCHI, SALE SCOMMESSE e SALE BINGO, DISCOTECHE e locali assimilati;

📌sono chiusi altresì i musei, le biblioteche, gli archivi, le aree e i parchi archeologici e i complessi monumentali;

📌per le attività di RISTORAZIONE e BAR c’è l’obbligo, a carico del gestore, di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;

📌si raccomanda fortemente, presso gli ALTRI ESERCIZI COMMERCIALI non ricompresi in quelli sopra richiamati, sia all’aperto che al chiuso, di garantire l’adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra i visitatori.

Viene ricordato che il mancato rispetto delle sopra elencate prescrizioni costituisce reato ed è punito ai sensi dell’articolo 650 del Codice Penale, come previsto dall’articolo 3, comma 4 del decreto-legge 23 febbraio 2020, n.6.

⭕️⭕️Si raccomanda, pertanto, la massima attenzione da parte di tutti i gestori e la più scrupolosa e coerente attuazione delle norme secondo le caratteristiche della propria attività nell’auspicio che queste limitazioni possano consentire il superamento dell’attuale crisi nei tempi più rapidi possibili.
 
 
Si informa la cittadinanza che, in presenza di dubbi e sintomi, non ci si deve recare presso ambulatori o strutture sanitarie ma contattare il proprio medico o i numeri telefonici di riferimento.

La Regione ha attivato il numero di pubblica utilità 800 63 63 63 operativo tutti i giorni dalle ore 8:00 alle ore 20:00

Al di fuori di tali orari rivolgersi al numero attivato dal Ministero della Salute: 1500
 
  
Torna all'inizio del contenuto