Seguici:

AVVISO PUBBLICO

PER L’ACQUISIZIONE DI PROPOSTE DI SUSSIDIARIETÀ ORIZZONTALE AI SENSI DELL’ART. 189 COMMA 2 DEL D.LGS. 50/2016 E.S.M.I..

 

IL RESPONSABILE DELL’AREA TECNICA

In esecuzione alla Delibera di Giunta Comunale n. 35 del 19/05/2020 recante: ”linee di indirizzo per l’ACQUISIZIONE DI PROPOSTE DI SUSSIDIARIETÀ ORIZZONTALE AI SENSI DELL’ART. 189 COMMA 2 DEL D.LGS. 50/2016 – DETERMINAZIONI” e  della Determinazione del responsabile dell’Area Tecnica n. 123 del 11/07/2020 - R.G. 327 di approvazione del presente avviso,

Premesso che:

    • L’articolo 118 della Costituzione della Repubblica italiana prevede che: “Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà”;
  • l’art. 189 del D.Lgs. n. 50/2016 e s.m.i. al comma 2 prevede che: “Per la realizzazione di opere di interesse locale, gruppi di cittadini organizzati possono formulare all'ente locale territoriale competente proposte operative di pronta realizzabilità, nel rispetto degli strumenti urbanistici vigenti o delle clausole di salvaguardia degli strumenti urbanistici adottati, indicandone i costi ed i mezzi di finanziamento, senza oneri per l'ente medesimo. L'ente locale provvede sulla proposta, con il coinvolgimento, se necessario, di eventuali soggetti, enti ed uffici interessati fornendo prescrizioni ed assistenza. Gli enti locali possono predisporre apposito regolamento per disciplinare le attività ed i processi di cui al presente comma”;

 

  • i suddetti principi in armonia con le previsioni dello Statuto comunale implicano che l'Amministrazione comunale debba creare le condizioni necessarie per favorire forme di collaborazione tra i cittadini e l'Ente per la realizzazione di opere di interesse locale, favorendo l’autonoma iniziativa dei cittadini sulla base del principio di sussidiarietà e in attuazione della Costituzione italiana;
  • l’Amministrazione comunale intende promuovere esperienze innovative, caratterizzate dalla partecipazione attiva dei cittadini, finalizzate al recupero, alla valorizzazione delle aree e spazi pubblici o assoggettati ad uso pubblico e dei beni in stato di parziale o totale disuso o deperimento e alla promozione di pratiche di riuso del patrimonio edilizio pubblico quale “bene comune”, al fine di garantire lo sviluppo culturale, sociale ed economico del paese ed, in particolare, la rigenerazione delle aree periferiche, nell’intento di garantire più elevati standards di decoro, migliorandone la fruibilità da parte della collettività, garantendo al contempo anche un maggiore controllo del territorio, atto a prevenire situazioni di degrado;

 

RENDE NOTO CHE

 

l’Amministrazione comunale intende raccogliere proposte di pronta realizzabilità in applicazione dall’art. 189 del D.Lgs. n. 50/2016 e s.m.i. avanzate dai cittadini attivi singoli e associati, senza fini di lucro e residenti nel comune di Scheggia e Pascelupo, per lo svolgimento degli interventi di cura, gestione condivisa e rigenerazione dei beni comuni urbani, favorendo l’autonoma iniziativa dei cittadini o su sollecitazione dell'Ente.

Le aree e i beni comuni urbani assegnati per lo svolgimento degli interventi di cura, gestione condivisa e rigenerazione sono quelle specificate nell“Elenco delle aree e dei beni comuni urbani” (Allegato 1)) e manterranno, comunque, le funzioni di uso pubblico in base alle destinazioni stabilite dagli strumenti urbanistici vigenti e di fruizione della cittadinanza senza alcuna limitazione di qualsiasi genere e natura.

Le planimetrie che individuano tali aree sul territorio sono depositate e visionabili presso l’Area Tecnica del Comune di Scheggia e Pascelupo.

L’attività svolta dai cittadini attivi è da considerarsi svolta a beneficio della collettività senza alcun rapporto di committenza da parte del Comune al soggetto realizzatore.

In ragione degli interessi delle parti il Comune contribuisce con un rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate per lo svolgimento degli interventi di cura, gestione condivisa e rigenerazione, fino alla concorrenza massima dell’importo indicato per ciascuna area e bene comune (come specificato nell’Allegato 1) “Elenco delle aree e dei beni comuni urbani”) in relazione al grado di complessità degli interventi concordati e della durata della collaborazione, per i seguenti oneri e spese:

  • spese sostenute per la copertura assicurativa dei soggetti affidatari;
  • spese sostenute per manutenzione, riparazione, sostituzione e acquisto di piccole attrezzature/mezzi d’opera necessari all’attività di cura, gestione condivisa e rigenerazione delle aree e spazi pubblici e dei beni comuni urbani;
  • spese sostenute per acquisto di materiali di consumo per minuto mantenimento e per interventi inerenti alla minuta manutenzione di impianti, attrezzature, arredi fissi, recinzione, ecc. presenti nelle aree affidate in adozione;
  • spese sostenute per eventuali acquisti di concime o materiale e articoli di floricoltura;
  • spese vive sostenute dai soggetti affidatari per: dispositivi di protezione individuale, carburante per il funzionamento delle attrezzature/mezzi d’opera;
  • spese sostenute per conferimento in discarica dei materiali di risulta provenienti dalle lavorazioni sulle aree e spazi pubblici e sui beni comuni;
  • eventuali oneri relativi ai consumi di energia elettrica e di acqua correlati direttamente alle specifiche attività di cura, gestione condivisa e rigenerazione;
  • spese generali relative e correlate alla specifica attività del patto di collaborazione ai fini della realizzazione degli interventi di cura, rigenerazione e gestione dei beni comuni in forma condivisa;

Le proposte operative di pronta realizzabilità raccolte saranno oggetto di valutazione da parte dell’Amministrazione comunale, previo coinvolgimento, se necessario, di eventuali soggetti, enti ed uffici interessati, entro due mesi dal termine ultimo per la presentazione delle domande. Entro il medesimo termine la Giunta comunale dispone l’approvazione, con motivata delibera, delle proposte formulate ai sensi del presente Avviso, regolando altresì le fasi essenziali del procedimento di realizzazione ed i tempi di esecuzione.

Modalità di presentazione della proposta operativa di pronta realizzabilità:

La proposta operativa di pronta realizzabilità dovrà essere contenuta in apposito plico, debitamente chiuso e controfirmato sui lembi di chiusura, indirizzato a: Comune di Scheggia e Pascelupo recante la dicitura “Proposta operativa di pronta realizzabilità di opere di interesse locale”.

Il plico dovrà contenere l’esatta indicazione del mittente e dovrà pervenire al Comune di Scheggia e Pascelupo – Piazza Luceoli n. 7 – 06027 Scheggia e Pascelupo Ufficio Protocollo, entro le ore 13,00 del giorno lunedì 31 luglio 2020 mediante consegna a mano o raccomandata A/R.

Il recapito dei plichi nel termine indicato rimane ad esclusivo rischio dei mittenti.

La Proposta operativa di pronta realizzabilità in carta semplice, debitamente sottoscritta del soggetto proponente dovrà essere redatta secondo il modello riportato nell’Allegato 2) “Modulo di presentazione della proposta operativa” al presente avviso e dovrà contenere le generalità del soggetto proponente, un indirizzo di posta elettronica e gli altri dati di contatto del cittadino o dell’Associazione/Gruppo di cittadini comunque denominato.

Dovrà essere accompagnata dalla fotocopia di un documento di identità personale in corso di validità del soggetto proponente.

Alla proposta dovranno essere allegati i seguenti elaborati:

  • Relazione tecnica nella quale si evidenziano le caratteristiche della proposta e la descrizione degli impegni assunti;
  • Schema progettuale dell’intervento proposto;
  • Piano economico dell’intervento e mezzi di finanziamento.

È possibile suddividere la realizzazione dell’opera in stralci funzionali, in tal caso il progetto deve essere presentato per intero, specificando nel dettaglio i contenuti ed i tempi di consegna per ogni stralcio.

Alla proposta potranno essere liberamente allegati ulteriori elaborati grafici utili ai fini della valutazione della proposta operativa.

Potrebbe essere richiesta da parte degli Uffici comunali un’integrazione della documentazione sopra elencata, prima dell’approvazione della proposta da parte della Giunta comunale, al fine di sviluppare parti di progetto ritenute essenziali dall’Amministrazione comunale.

ITER PROCEDURALE

Dopo la pubblicazione del presente Avviso, l’iter procedurale si svilupperà come di seguito:

  1. Presentazione, entro il 31.07.2020 alle ore 13.00 delle proposte di pronta realizzabilità e dei relativi elaborati esplicativi;
  2. Eventuale richiesta di integrazione documentale con il coinvolgimento, se necessario, di soggetti, enti ed uffici interessati, i quali forniranno prescrizioni ed assistenza;
  3. Valutazione, entro due mesi dal termine ultimo per la presentazione delle proposte, del progetto presentato da parte della Giunta comunale;
  4. Sottoscrizione di apposita convenzione tra l’Amministrazione comunale e il soggetto singolo/gruppo aggiudicatario del progetto.

CRITERI DI VALUTAZIONE

La proposta presentata sarà valutata secondo i seguenti criteri:

  • Coerenza della proposta con l’obiettivo dell’Amministrazione comunale di recuperare, valorizzare le aree e spazi pubblici o assoggettati ad uso pubblico e i beni in stato di parziale o totale disuso o deperimento e promuovere pratiche di riuso del patrimonio edilizio pubblico quale “bene comune”, al fine di garantire lo sviluppo culturale, sociale ed economico del paese ed, in particolare, la rigenerazione delle aree periferiche, nell’intento di garantire più elevati standards di decoro, migliorandone la fruibilità da parte della collettività, garantendo al contempo anche un maggiore controllo del territorio, atto a prevenire situazioni di degrado;
  • Qualità tipologica e ambientale;
  • Soluzione progettuale in relazione alla qualità dei materiali impiegati ed alle soluzioni tecnologiche ed impiantistiche, con particolare attenzione al contenimento dei costi di gestione;
  • Tempi di realizzazione dell’intervento;
  • Capacità organizzativa e capacità gestionale condivisa a garanzia della libera fruizione da parte della cittadinanza;

 

La proposta che sarà meglio rispondente ai criteri fissati dall’Amministrazione comunale, verrà approvata dalla Giunta comunale con delibera motivata e sarà data comunicazione dell’avvenuta approvazione al firmatario della proposta tramite Raccomandata A.R. e/o posta elettronica.

 

Il soggetto singolo / rappresentante del gruppo di cittadini proponente, una volta approvato il progetto dalla Giunta comunale, dovrà stipulare con il Comune di Scheggia e Pascelupo apposita convenzione, con la quale si impegna alla realizzazione, a sua totale cura e spesa e previo ottenimento di tutte le necessarie autorizzazioni, dell’intervento proposto, fermo restando il rispetto dell’art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016. La convenzione disciplinerà anche le conseguenze in caso di inadempimento, comprese anche eventuali penali e poteri sostitutivi.

  1. Criteri di assegnazione:

La selezione avverrà per tutte le richieste pervenute alla data di scadenza e verranno valutate ai fini dell’assegnazione dalla Giunta comunale secondo i seguenti criteri: nel caso in cui più soggetti singoli o associati richiedono la medesima area, l’assegnazione verrà stabilita in base alla maggiore rappresentatività territoriale (vicinanza con le aree/beni comunali) o in subordine in base alla data di acquisizione al protocollo comunale della proposta (data e ora); qualora si verifichi parità per entrambi i criteri di selezione prescelti, si procederà all’assegnazione tramite sorteggio.

  1. Modalità di affidamento:

Gli affidamenti avverranno con determinazione del Responsabile dell’Area Tecnica mediante sottoscrizione della Convenzione nel rispetto dei criteri sopra definiti.

 

  • Ulteriori informazioni

 

Il presente avviso non costituisce avvio di procedura di gara pubblica, non presuppone la formazione di una graduatoria di merito o l'attribuzione di punteggi, né proposta contrattuale, ma semplice richiesta a manifestare proposte operative di pronta realizzabilità in seguito al quale potranno essere esperite le valutazioni da parte dell’Amministrazione comunale.

Le proposte pertanto, non vincolano in alcun modo l’amministrazione comunale, né possono far insorgere nei soggetti proponenti alcun diritto in ordine all’eventuale aggiudicazione di alcuna procedura.

A conclusione dell’indagine conoscitiva, l’Ente procederà alla costituzione di un elenco nel quale saranno iscritti i soggetti singoli o associati in possesso dei requisiti richiesti e che abbiano inviato la propria proposta operativa nei termini e con le modalità prescritte dal presente avviso.

L’eventuale approvazione delle proposte sarà effettuata, con successiva e separata procedura ai sensi dell’art. 189, comma 3, del D.Lgs. 50/2016 e s.m. e i..

L’amministrazione comunale si riserva in ogni caso e in qualsiasi momento, il diritto di sospendere, modificare o annullare la procedura relativa all’avviso e di non dar seguito all’eventuale procedura di valutazione delle proposte, senza che ciò possa costituire diritto o pretesa dì qualsivoglia natura, indennizzo o rimborso dei costi eventualmente sostenuti per presentazione delle proposte operative;

I dati personali saranno trattati, nel rispetto del D.Lgs. 196/03, solamente per gli adempimenti strettamente connessi alla presente procedura e saranno conservati su supporto cartaceo ed informatico.

Titolare del trattamento è il Comune di Scheggia e Pascelupo, responsabile del trattamento è il Responsabile dell’ Area Tecnica Geom. Paolo Capannelli.

Per qualsiasi informazione in merito al presente avviso potrà essere contattata l’Area Tecnica del Comune di Scheggia e Pascelupo nella persona del Responsabile Geom. Paolo Capannelli – Tel. 075 9259722 – Fax 0759259724 – e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

  • Scheggia e Pascelupo, 11/07/2020 
  • Il Responsabile dell’Area tecnica
  • Geom. Paolo Capannelli

 

ALLEGATI:

  • Allegato 1) “Elenco delle aree e dei beni comuni urbani”
  • Allegato 2) “Modulo di presentazione della proposta operativa” 
Torna all'inizio del contenuto