Seguici:

A V V I S O

 

 Borse di studio a favore degli studenti iscritti agli Istituti della scuola secondaria di

secondo grado per l’anno scolastico 2017/2018, ai sensi dell’articolo 9,

comma 4, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 63.

 

La Regione dell’Umbria, al fine dell’attuazione del beneficio per le Borse di studio a favore degli studenti iscritti agli Istituti della scuola secondaria di secondo grado per l’anno scolastico 2017/2018 fornisce i seguenti criteri:

 

- sono ammessi al beneficio gli studenti residenti in Umbria che frequentano la scuola secondaria di secondo grado statali e paritarie, appartenenti a famiglie il cui l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.), rientra nella soglia di € 10.632,94;

 Gli interessati dovranno:

  • presentare la domanda direttamente al Comune di Scheggia e Pascelupo entro il 17 febbraio 2018 sull’apposito modello predisposto (Allegato B), reperibile sul sito internet della Regione, www.regione.umbria.it/istruzione, sezione Bandi e contributi, presso i Comuni o presso le segreterie delle Scuole;

  • attestare una situazione economica familiare secondo il calcolo I.S.E.E, pari o inferiori ad 10.632,94.

  • l’importo della borsa di studio assegnata agli alunni della scuola secondaria di secondo  grado è determinato in € 200; tale importo potrà essere rideterminato in rapporto al numero totale degli ammessi al beneficio e alle risorse finanziarie disponibili;

     

  1. I Comuni accolgono le domande prodotte dai propri residenti sull’apposito modello predisposto (Allegato B), sia per gli alunni frequentanti scuole ricadenti sul territorio comunale o in comuni vicini, sia per quelli frequentanti scuole fuori Regione.

    I singoli Comuni valutano l’ammissibilità delle domande, in base ai requisiti previsti, con verifica, per i casi di frequenza extra-regionale della non sovrapposizione del beneficio. Ai fini dell’acquisizione delle domande il Comune può avvalersi della collaborazione delle Scuole (DPCM 226/2000 art. 1 comma 1 lett. a).

 

  1. La titolarità dell'intervento per l'erogazione del contributo è dei Comuni i quali ne stabiliscono le modalità attuative, fermo restando il requisito della residenza anagrafica, assicurando l’intervento agli studenti sotto soglia ISEE prevista al punto 1, includendo i soggetti che, seppur residenti sul loro territorio frequentano Scuole di altre Regioni laddove, queste ultime, non assicurino loro il beneficio.

Scheggia lì 22.01.2018        

                                                                                    

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

                                                  (Dott. Francesco Matteucci)

 

 

 

 

Torna all'inizio del contenuto